• Home
  • Scrivere
  • Dell’importanza dell’editing e della correzione di bozze

Dell’importanza dell’editing e della correzione di bozze

“Parere non è essere: ma per essere bisogna anche parere. Nulla contribuisce tanto a fare il monaco quanto l’abito.”

Lo ha detto l’aforista italiano Ugo Bernasconi e non avete idea di quanto questo sia vero anche per i libri.

La forma di un’opera è infatti importante tanto quanto il suo contenuto e alcuni errori ne possono rovinare irrimediabilmente il successo. Per questo è davvero importante che dedichiate attenzione alla fase di editing e correzione.

 

Per editing si intende “la cura redazionale di un testo per la pubblicazione, cioè lettura attenta intesa a verificare la correttezza di ortografia, grammatica, sintassi, l’organizzazione strutturale del testo e la sua coerenza interna, l’adeguatezza dello stile, l’esattezza e la rispondenza alla realtà delle asserzioni scientifiche, storiche, ecc.” (cit. Treccani)

 

Imparare a fare editing richiede, più che nozioni, lunghi anni di esperienza, ma potete cominciare ad accertarvi di essere sulla strada giusta, rispondendo ad alcune domande:

 

  • A che pubblico è rivolto il libro? Il linguaggio usato è quello giusto?
  • I personaggi sono tutti caratterizzati e hanno un percorso lineare? Non ne è sparito qualcuno? (celebre il caso di Crouch, un personaggio dell’edizione inglese di Harry Potter e il calice di fuoco sparito a pagina 485 e ricomparso per magia alla pagina 503)
  • La trama è coerente e ha senso logico? (Se l’omicidio è stato commissionato dalla moglie, la vittima deve perlomeno essersi sposata nelle pagine precedenti!)

 

Et voilà, l’editing è fatto! (Forse)

 

Ora è arrivato il momento di ripulire il testo dagli errori più “piccoli” e quindi più difficili da scovare: errori di battitura (lettere mancanti, lettere in più, lettere invertite ecc.), ma anche di punteggiatura e di uniformazione del testo.

 

Per correggere bene un testo servono più fasi: la prima lettura è analitica (lettere singole, segni di punteggiatura), poi logica (senso delle frasi, correttezza sintattico-grammaticale), e quindi si conclude con il controllo della pagina dal punto di vista grafico. Niente vedove e orfane, anche se è una storia triste!

Non sapete che cosa sono le vedove e le orfane? Concludete il vostro paragrafo con un’unica, ultima riga nella pagina bianca e avrete creato una vedova; il nuovo paragrafo inizia a fondo pagina con un’unica riga? Siete responsabili di un’orfana.

 

Sembra difficile, ma non bisogna scoraggiarsi!

 

Il nostro consiglio è quello di far leggere la propria opera a amici – anche a nemici a dire il vero: è probabile che la loro opinione vi sia più utile – e, possibilmente, anche a un editor professionista.

 

Non pensate che chiedere la correzione di bozze o l’editing a dei professionisti sia inutile.

Perché mai così tanti scrittori famosi ringrazierebbero i loro editor?

 

 

 

Per chi vuole saperne di più sull’editing e sulla correzione di bozze, ecco alcuni testi che potrebbero essere utili:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere le nostre novità e promozioni speciali.

Passione Scrittore utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per contattarti, per fornire aggiornamenti e marketing. Puoi cambiare idea in qualsiasi momento facendo clic sul link di cancellazione nel piè di pagina di ogni email che riceverai da noi o contattandoci a assistenza@passionescrittore.it.

Privacy Policy

 

I professionisti del self-publishing!
Per ulteriori informazioni visita il sito www.passionescrittore.it

CATEGORIE

 

Privacy Policy
Cookie Policy

Passione Scrittore è un marchio di Promedia S.r.l.
Strada Settimo, 370/30 - 10156 Torino (Italia) - P.IVA e Cod. Fiscale: 09117250010 - Iscritta alla CCIAA Torino 09117250010 n. REA 1025712 - Cap. Soc.: € 75.000,00 i.v.